Un servizio informativo aperto a tutti

Il percorso dei documenti dal momento in cui prendono vita alla loro conservazione

L'ARCHIVIO nasce negli uffici in cui vengono gestite le pratiche che scandiscono i ritmi delle attività comunali, in particolare nell'ufficio di protocollo che registra tutta la corrispondenza in arrivo e in partenza dal Comune. In questa prima fase è denominato archivio corrente e comprende tutta la documentazione relativa ad affari, procedimenti amministrativi, in corso di trattazione. I fascicoli istruiti, una volta conclusa la pratica, passano nell'archivio di deposito, dove rimarranno a disposizione del personale interno e del pubblico, fino al raggiungimento della "maturità" necessaria - 40 anni - per il passaggio nell'archivio storico, dove iniziano a contribuire alla storia della comunità. Qui si stratificano, nel corso del tempo, miliardi di parole scritte ed immagini impresse su carte e pergamene, e ormai anche su strumenti informatici, sciolte o raccolte in registri e codici, parole che su questi supporti, a volte dimessi, a volte estremamente raffinati, testimoniano la storia del Comune nel corso dei secoli, dalle tracce più antiche, fino ai nostri giorni.

L'ARCHIVIO COMUNALE, considerato nelle fasi del suo ciclo di vita - corrente, deposito, storico - non è quindi un "patrimonio" statico, ma un lungo e complesso percorso delle carte, dal momento in cui prendono vita, passando attraverso diversi livelli di organizzazione fino alla loro conservazione.

Si configura perciò come un SERVIZIO che garantisce al cittadino:

  • il diritto all'informazione e alla documentazione;
  • la salvaguardia della memoria storica e con essa della conoscenza.
Offers and bonuses by SkyBet at BettingY com